lunedì 1 febbraio 2010

Per Mimma

Mimma è una mia amica alla quale piacciono le bambole un pò particolari,e per Natale ho pensato di farle la "Raggedy Ann".
Caso più unico che raro a casa mia i miei figli hanno detto che era carina, e anche Mimma a quanto pare ha apprezzato

“La bambola “Raggedy Ann” è una delle più apprezzate bambole di pezza in tutto il mondo.E’ stata creata da Johnny Gruelle, famoso disegnatore ed illustratore Americano.

Johnny Gruelle e sua figlia Marcella, un giorno, si recarono sotto insistenza di lei, nella vecchia soffitta della nonna. La bambina, voleva cercare qualcosa ma invece trovarono in un vecchio baule, una bambola fatta di pezza. Sicuramente Johnny Gruelle, nella sua grande fantasia, ne fu colpito.

Adorava sua figlia Marcella ed era per lui grande fonte di ispirazione per i suoi disegni, per le sue illustrazioni e per le sue fiabe. Volle trasmettere, nel volto della “Raggedy Ann”, quasi ciò che vedeva dietro gli occhi ingenui e sognanti di sua figlia quando la vedeva giocare. E’ così che, nel 1915, creò la bambola.

Giunto a dare il volto alla bambola fu come se, la bambola stessa, chiedesse di non avere un volto comune. Fu come suggerisse, al suo creatore, di avere un volto magico, fatato, vivo, lo spirito insomma di una piccola fanciulla di un mondo di fantasia forse, quella che intuiva attraverso gli occhi di sua figlia Marcella.
Nacque così la prima “Raggedy Ann” con i suoi occhi fatti con i bottoni, il suo curioso naso triangolare e la sua bocca sorridente in modo particolare.

Nacque così la prima “Raggedy Ann” con i suoi occhi fatti con i bottoni, il suo curioso naso triangolare e la sua bocca sorridente in modo particolare.

Ma, nella vita di Johnny Gruelle, all’improvviso, capitò un fatto drammatico che sconvolse lui e la famiglia: la figlia Marcella morì all’età di 13 anni, sembra per una vaccinazione infetta. Possiamo tutti immaginare ciò che successe nei loro cuori. Forse Johnny Gruelle pensò che fossero morti tutti i suoi sogni fantasiosi e forse pensò che ogni suo personaggio inventato, piangesse insieme a lui.
La sua bambina non c’era più. Sicuramente questo fu il pensiero dominante ma poi la famiglia si riunì ancora di più per il dolore subito e forse un giorno, Johnny Gruelle, rivide la sua “Raggedy Ann”. Rivide dietro quegli occhi ingenui, quelli di sua figlia e così dopo un mese dalla morte della sua adorata Marcella, registrò la ” Raggedy Ann”. Successivamente creò anche il fratellino: “Andy”.

Da allora la “Raggedy Ann” non ha mai smesso di essere la protagonista delle più belle fiabe raccontate, magari nelle fredde serate invernali, di fronte ai caminetti, nelle case degli Americani.”

(articolo tratto da guide.supereva.it )

3 commenti:

Laura ha detto...

Stupenda!! Anch'io le adoro e ne ho fatte alcune che, OVVIAMENTE, ho pensato bene di non fotografare quando le avevo finite. :(
Poi un bel giorno mi sono inventata di avere un mio sito ed un mio blog e son riuscita a pubblicare la foto dell'ultima Raggedy Ann poco prima che "partisse" come regalo...
Complimenti per la tua: mi piace tantissimo!!
Laura

nina ha detto...

Che amore!! una faccina spiritosa e allegra, stoffine carine ,carine, foto pure bella che dirti se non ...Complimentissimi !!!!
besos

mimma ha detto...

ciao margherita, sono mimma, finalmete sono riuscita a vedere il tuo blog, non lo trovavo, il sono la proprietaruia adesso della bambola che è un amore, come tutte le cose che fa mani di fata, ciao un saluto